LEONARDO DA VINCI 2019- 2020 – CELEBRAZIONI PER IL CINQUECENTENARIO DALLA MORTE DEL GRANDE ARTISTA-

Milano celebra i 500 anni dalla morte di Leonardo da Vinci con Milano e Leonardo, un tributo al genio di Vinci attraverso un ricco e variegato palinsesto di iniziative in programma da maggio 2019 a gennaio 2020 e la collaborazione di tutte le principali istituzioni museali e culturali milanesi e nazionali, coordinate dal Comitato Nazionale per la celebrazione dei 500 anni dalla morte di Leonardo da Vinci, il comitato di coordinamento Milano e l’eredità di Leonardo 1519-2019 in collaborazione con il comitato territoriale.

GIRANDOMILANO ORGANIZZA VISITE A OGNI MOSTRA PREVISTA PER QUESTO IMPORTANTE EVENTO:  CONTATTATECI PER INFORMAZIONI

 

Il tributo prende il via il 2 maggio 2019 – il giorno della morte di Leonardo da Vinci nel 1519 – con la riapertura della Sala delle Asse del Castello Sforzesco   luogo protagonista per tutto il 2019 delle celebrazioni leonardesche. È stato possibile visitarla già durante Expo 2015, ma stavolta la sala accessibile dal cortile dell’Elefante ha subìto ulteriori lavori di restauro e, rispetto al passato, è prevista la rimozione  di tutti i ponteggi, sostituiti da passerelle per ammirare da vicino il lavoro certosino di Leonardo che la progettò. Dalle passerelle saranno visibili il Monocromo appena restaurato e le tracce di disegno preparatorio con carbone a secco o pennello, raffiguranti sfondi paesaggistici straordinari per la precisione botanica: il lavoro con il laser ha infatti permesso di asportare l’intonaco e svelare continue nuove scoperte.

Nella Cappella Ducale del Castello Sforzesco, , una selezione di disegni originali e un’installazione multimediale consentiranno di capire quale era la composizione originale della Sale dell’Asse, un’opera estremamente complessa dal punto di vista stilistico e iconografico, che nasconde all’ombra della pergola ricoperta di gelsi un mondo naturale vario, inatteso e bellissimo, che è centrale nella poetica dell’artista di Vinci.

Gallerie Leonardo Da Vinci, Museo Scienza

La più grande esposizione permanente al mondo dedicata a Leonardo ingegnere e umanista.

Una spettacolare scenografia ti accompagna in un viaggio che, a partire dalla Firenze del Quattrocento, ripercorre la formazione di Leonardo e il contributo degli ingegneri toscani fino al soggiorno nella Milano degli Sforza.
Un percorso tra l’arte della guerra, il lavoro e la produzione, il volo, le vie d’acqua e l’architettura che si conclude con uno sguardo sull’influenza di Leonardo nella pittura lombarda del Rinascimento e un’installazione immersiva dedicata ai disegni degli ultimi anni.Oltre 1.300 mq e 170 tra modelli storici, opere d’arte, volumi antichi e installazioni fanno rivivere la narrazione attraverso l’evoluzione del pensiero di Leonardo in un’esperienza coinvolgente nella dimensione emotiva, intellettuale e fisica.Le Nuove Gallerie rinnovano lo storico allestimento con cui il Museo apriva al pubblico nel 1953 e rappresentano una risorsa culturale unica per ispirare le nuove generazioni, il mondo della ricerca e appassionati di ogni età.

La figura di Leonardo è indagata all’interno del suo contesto storico mettendo in relazione la sua opera di ingegnere e umanista con la storia della scienza, dell’arte, della tecnica e del pensiero del Rinascimento. La visione è coerente con gli studi più recenti della storiografia leonardesca, ponendo l’accento sulla sua curiosità e sulla capacità di osservare e interpretare la natura insieme all’attenzione al lavoro dei suoi contemporanei con cui è in continuo dialogo.

Significati universali come il desiderio di conoscere, la capacità di osservare e il pensare in modo trasversale sono una preziosa eredità del metodo di lavoro di Leonardo alla società contemporanea.

Un’altra opera monumentale conservata a Milano e celebre in tutto il mondo, che ha conferito più di ogni altra a Leonardo il titolo di genio, è il Codice Atlantico che, con il Musico, fa della Pinacoteca Ambrosiana il luogo, dal punto di vista quantitativo e qualitativo, più importante legato alla presenza del maestro a Milano. In programma, quattro mostre tematiche, che avranno luogo da dicembre 2018 all’Epifania 2020, secondo la seguente scansione temporale: da dicembre 2018 a marzo 2020 Leonardo e il suo lascito, gli artisti e le tecniche, una mostra dedicata ai disegni realizzati dall’artista toscano e da quelli della sua cerchia, curata da Benedetta Spadaccini; 30 disegni realizzati da Leonardo e dagli artisti della sua cerchia, lungo un arco cronologico che dalla fine del Quattrocento giunge fino ai primi decenni del Cinquecento.
La rassegna rivela la profonda risonanza che il magistero di Leonardo nel campo del disegno ebbe su allievi, seguaci e artisti lombardi dell’epoca, grazie alle novità che il genio fiorentino seppe introdurre, alcune retaggio della formazione fiorentina, altre legate alla sua attitudine sperimentale.

DAL 07/02/2020 AL 29/03/2020 | SALA SOTTOFEDERICIANA

LEONARDO DA VINCI E GUIDO DA VIGEVANO
ANATOMIA IN FIGURE

L’esposizione pone a confronto i modi di raffigurazione anatomica di due geni del passato, attraverso le riproduzioni del capolavoro di Guido da Vigevano, Anothomia designata per figuras, e di alcuni fogli di Leonardo da Vinci che evidenziano l’evoluzione dei suoi studi sul corpo umano. Alcuni disegni anatomici leonardeschi sono stati tradotti in 5 sculture realizzate con la tecnica tradizionale della ceroplastica. Completa la mostra il modello ligneo del carro a vento di Guido, ideato come macchina da guerra ma che può essere ritenuto anche la prima auto-mobile della storia.

L’esposizione, curata da Paola Salvi, resa possibile dal Comune di Vigevano proprietario della mostra stessa, col patrocinio della Regione Lombardia, dell’Accademia di Belle Arti di Brera di Milano, dell’Università di Pavia, sostenuta dal Comitato Nazionale per le celebrazioni dei 500 anni dalla morte di Leonardo da Vinci e organizzata con l’Associazione OverArt, chiude il programma di esposizioni proposte dalla Veneranda Biblioteca Ambrosiana di Milano per valorizzare il suo patrimonio di opere di Leonardo, tra i più importanti al mondo, e degli artisti della sua cerchia.
La rassegna presenta la riproduzione delle 18 figure (in 16 tavole) del trattato Anothomia designata per figuras (1345) di Guido da Vigevano, accanto a una serie di riproduzioni di disegni anatomici di Leonardo da Vinci, realizzati tra il 1480 e il 1517 circa. Da alcuni di questi disegni, che appartengono al vasto repertorio anatomico di Leonardo, conservati nelle collezioni della Regina Elisabetta II d’Inghilterra nel Castello di Windsor, sono state ricavate cinque sculture, ideate da Paola Salvi e realizzate da Moreno Vezzoli, con la tecnica tradizionale della ceroplastica, per fare apprezzare la loro precisione anatomica e la bellezza artistica.

Articoli Collegati

Posted by stefaniaesilvia | gennaio 23, 2020
GEORGES DE LA TOUR, L’EUROPA DELLA LUCE
giovedì 20 febbraio ore 21:00
La prima mostra in Italia dedicata a Georges de La Tour che,  attraverso mirati confronti tra i capolavori del Maestro francese e quelli di altri grandi del suo tempo (Gerrit...
Posted by stefaniaesilvia | gennaio 22, 2020
GALLERIE D’ITALIA : CANOVA E THORDVALDSEN
giovedì 27 febbraio ore 20:30
sabato 29 febbraio ore 18:00
La mostra Canova | Thorvaldsen. La nascita della scultura moderna rappresenta, sia per l’importanza e la bellezza delle opere esposte, che per la grande rilevanza scientifica, una straordinaria occasione di conoscenza...
Posted by stefaniaesilvia | gennaio 22, 2020
MOSTRE IN PROGRAMMA
TUTTE LE MOSTRE IN PROGRAMMA PER PRENOTARE UNA VISITA GUIDATA UTILIZZATE IL MODULO DI CONTATTO  A FONDO PAGINA SPECIFICANDO LA MOSTRA SCELTA  PALAZZO REALE - GEORGES DE LA TOUR, L'EUROPA...